10592674_934872336541262_2585467443192362281_n

La Station offre una piattaforma sperimentale nella quale gli artisti emergenti trovano delle condizioni favorevoli per iniziare dei progetti e partecipare allo sviluppo, alla promozione e alla diffusione delle loro attività. Questa dinamica iniziata a Nizza nel 1996 permette lo schiudersi delle ricerche in condizioni reali e professionali di esposizione o di produzione.

All’origine installata nelle mura di un’antica stazione di servizio situata al numero 26 di boulevard Gambetta a Nizza, da cui il nome, La Station si é spostata in base alla realtà dei luoghi che l’hanno ospitata.

É nella volontà di proporre un anello supplementare che colleghi strettamente artisti, istituzioni, centri d’arte e pubblico che La Station trova la sua pertinenza, tentando di apportare un valore aggiunto ad un panorama culturale esistente.

Nell’ottobre 2009, La Station si é installata nella hall sud degli antichi depositi frigoriferi messi a disposizione dalla Città di Nizza. Questi locali rinnovati hanno una superficie di 1 000 m2 e sono suddivisi tra spazi di esposizione aperti al pubblico e atelier. Circa dodici artisti vi lavorano e partecipano alla vita, all’organizzazione e al mantenimento di una tale impresa.

La Station ha per scopo principale il sostegno e la diffusione della vita culturale e artistica contemporanea a Nizza con tutti i mezzi e in tutte le forme che questa riveste. Di mostrare quel che si fa in questa città, e attirare da altrove, dalla Francia e dall’Europa, delle pratiche molto contemporanee dell’arte. Ha come obbiettivo soprattutto di aiutare gli artisti e di partecipare allo sviluppo, alla promozione e alla diffusione delle loro attività.

Con una programmazione trans-generazionale, con artisti affermati o no, La Station si posiziona come una piattaforma professionale che permette agli artisti emergenti di essere visibili per le gallerie, i centri d’arte, i musei, i commissari di esposizione. Creando queste condizioni, la sfida é di apportare uno strumento di lavoro che li colleghi ai principi della realtà dell’attività artistica e di tentare di offrire loro una audience contemporanea. Mostre, performance sono proposte al pubblico, come alcuni eventi più particolari : letture, sedute di ascolto, concerti, proiezioni video, conferenze…

Oltre alla sua programmazione Infra-muros, La Station ha acquisito nel corso degli anni una audience nazionale ed europea grazie ad esposizioni organizzate in diverse città all’estero.

La Station Fuori-le- mura costruisce i suoi progetti a partire dal lavoro degli artisti che la compongono e delle loro pratiche artistiche, rimesse così in prospettiva nel contesto dell’esposizione collettiva.